EMAGEL
torna all'INDICE farmaci


Google  CERCA FARMACI NEL SITO

  www.carloanibaldi.com

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE
05.1 Proprietà farmacodinamiche
05.2 Proprietà farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilità
06.3 Periodo di validità
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -[Vedi Indice].

EMAGEL

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice].

 1000 ml di Emagel contengono: principio attivo: poligelina 35 g (corr.
ad un contenuto di azoto di 6,3 g). Dati chimico-fisici: peso molecolare medio circa 30.000*; viscosità relativa (+35°C) 1,7.1,8; pH della soluzione per infusione 7,3±0,3; punto di congelamento: inferiore a +3°C. La pressione colloidosmotica di una soluzione al 3% di Emagel coincide con quella del plasma.
La soluzione al 3,5% è pertanto leggermente iperoncotica: in questo modo si facilita il riflusso di acqua dai tessuti e si previene la formazione di edemi.
La viscosità corrisponde a quella del plasma umano. Emagel è sterile ed apirogeno e non contiene conservanti. (*) determinato impiegando le più recenti tecniche analitiche.
Per gli eccipienti, vedere 6.1.

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice].

Soluzione per infusione.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - [Vedi Indice].

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice].

Trattamento di condizioni di gravi ipovolemie nelle situazioni in cui è controindicato l’impiego di destrano 80-85.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice].

La soluzione è pronta per l'infusione e viene somministrata per via endovenosa. La quantità e la durata dell'infusione dipendono dalla necessità di ogni singolo caso.
In genere si somministrano negli adulti 500 ml in 1.2 ore (circa 40-60 gocce al minuto).
In caso di grave shock può essere necessaria l'infusione rapida di 500 ml sotto pressione nel giro di 5.10 minuti.
Sono perfettamente tollerate anche ripetute infusioni di Emagel fino ad un quantitativo complessivo di diversi litri in pochi giorni. Ai bambini si somministrano in genere 10 ml/kg.

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice].

Ipersensibilità individuale accertata al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti (sono state osservate reazioni anafilattiche/anafilattoidi). Stati di ipercalcemia.
Soggetti in terapia digitalica.
L’impiego di Emagel è soggetto a determinate restrizioni nel senso che il medico, considerandone necessaria l’infusione, dovrà adottare speciali precauzioni: in tutti quei casi in cui un aumento del volume intravascolare e le relative conseguenze (ad es.
incremento della gittata ventricolare sistolica, innalzamento dei valori pressori), un aumento volumetrico dei liquidi interstiziali oppure l’emodiluizione possano costituire uno specifico rischio per il paziente. Esempi di tali circostanze sono rappresentati da: insufficienza cardiaca scompensata, ipertensione, varici esofagee, edema polmonare, diatesi emorragica, anuria renale e post-renale; in tutti quei pazienti nei quali è maggiore il rischio di una liberazione di istamina (ad es.
soggetti con reazioni allergiche/allergoidi e pazienti con anamnesi di risposta all’istamina). In quest’ultimo caso, Emagel può essere somministrato soltanto dopo avere avviato adeguate contromisure preventive (vedere 4.4).

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice].

L’infusione deve essere immediatamente interrotta laddove si verifichino reazioni di intollerabilità. Le forme lievi di queste reazioni possono essere tenute sotto controllo mediante somministrazione di farmaci antistaminici.
In presenza di reazioni gravi occorre adeguarsi alle direttive della moderna terapia dello shock. In tutti quei pazienti nei quali è maggiore il rischio di una liberazione di istamina (ad es.
soggetti che hanno presentato reazioni allergiche/allergoidi, pazienti con anamnesi di malattie allergiche come ad es.
asma, o che siano a rischio di reazioni istamino-indotte come risultato di un effetto cumulativo dovuto all’impiego concomitante di farmaci che liberano istamina come ad esempio anestetici, miorilassanti, analgesici, ganglioplegici e anticolinergici) questo medicinale può essere somministrato soltanto dopo avere avviato adeguate contromisure preventive come ad esempio la somministrazione di farmaci antistaminici anti-H1 ed anti-H2.
In generale, la somministrazione di eritrociti o di fattori della coagulazione deve essere presa in considerazione - al più tardi - quando il valore dell’ematocrito scende al di sotto del 25% in volume. L’infusione di Emagel può determinare transitorio aumento della velocità di eritrosedimentazione (VES). In generale l'impiego di soluzioni idro-saline deve essere valutato e controllato con i dati relativi ai livelli sierici di K, Ca e del pH al fine di evitare indesiderati effetti di accumulo elettrolitico o pericolosi fenomeni di interferenza con la funzione cardiaca, renale, polmonare o con il sistema nervoso centrale. Si devono usare solo soluzioni limpide di flaconi intatti.
Poichè Emagel non contiene conservanti esiste la possibilità di inquinamento secondario dei flaconi già aperti e trattati con mezzi (aghi e cannule) non sterilizzati.
Ciò ovviamente ne impedisce l'utilizzazione. La soluzione di Emagel rimane limpida anche a basse temperature, fino in prossimità del punto di congelamento.
Tuttavia, per motivi fisiologici, la soluzione dovrebbe essere infusa alla temperatura corrispondente a quella corporea. Per ragioni tecniche, nei contenitori è presente un volume residuo di aria.
Pertanto, impiegando flaconi per infusione realizzati in plastica occorre tenere sotto controllo la pressione di infusione, non potendosi escludere il rischio di embolia gassosa.

04.5 Interazioni - [Vedi Indice].

Emagel può essere mescolato con le comuni soluzioni per infusione (soluzioni di NaCl, soluzione glucosata, soluzione di Ringer, ecc.) nonchè con rilassanti muscolari, barbiturici, sostanze ad effetto sul circolo, corticosteroidi, vitamine, siero antitetanico, antibiotici del gruppo della penicillina e della tetraciclina. Reazioni istamino-indotte possono verificarsi come risultato di un effetto cumulativo dovuto all’impiego concomitante di farmaci che liberano istamina come ad esempio anestetici, miorilassanti, analgesici, ganglioplegici e anticolinergici).

04.6 Gravidanza e allattamento - [Vedi Indice].

Emagel è già stato ampiamente impiegato in gravidanza.
Per quanto riguarda il decorso gravidico, le condizioni di salute del feto e quelle del neonato non sono stati osservati effetti nocivi (categoria A).
Ciononostante in generale si deve prestare particolare attenzione in quei casi in cui sostituti dei liquidi corporei o volumetrici vengano somministrati durante od immediatamente dopo una gravidanza.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice].

Dalla pratica clinica non sono state segnalate interferenze sulla capacità di guidare e sull'uso di macchinari.

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice].

Durante o dopo infusione di sostituti del plasma possono occasionalmente presentarsi passeggere reazioni cutanee (orticaria, ponfi), ipotensione, tachicardia, bradicardia, nausea/vomito, dispnea, aumento della temperatura corporea e/o brividi di freddo. Sono state osservate rare reazioni di ipersensibilità tanto gravi da raggiungere lo stato di shock.
In questi casi, le contromisure da adottare dipendono dalla natura e dalla gravità dell’effetto indesiderato. L’insorgenza di un effetto secondario dovrebbe determinare l’immediata sospensione dell’infusione, con contemporaneo avvio di provvedimenti terapeutici commisurati alla natura ed alla gravità dell’effetto stesso. È stato dimostrato che la liberazione di istamina rappresenta la causa fisiopatologica determinante per l’insorgenza di effetti secondari correlati all’infusione di Emagel. La rapidità dell’infusione può promuovere l’insorgenza di reazioni indotte dall’istamina.
Vedere anche 4.4 e 4.5.

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice].

La necessità di somministrare dosi considerevoli di Emagel richiede un attento monitoraggio dei parametri circolatori.
Un eventuale effetto di emodiluizione può ripercuotersi sul potenziale coagulatorio e sugli elementi corpuscolari del sangue, anche se la normalizzazione avviene rapidamente, al più tardi entro 24 ore.

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE - [Vedi Indice].

05.1 Proprietà farmacodinamiche - [Vedi Indice].

Categoria farmacoterapeutica: Sostituti del plasma; codice ATC: B05AA06 Emagel contiene polipeptidi (ottenuti per lisi termica della gelatina) polimerizzati attraverso collegamenti con ponti di urea.
Emagel è una soluzione colloidale limpida, giallastra. La tollerabilità e l'azione di ripristino del circolo dopo somministrazione di Emagel sono state dimostrate dai risultati di ampi esperimenti sugli animali. Esperimenti di sostituzione plasmatica nei ratti hanno permesso di stabilire che Emagel è in grado di sostituire fino all'80% del plasma circolante.
Come risulta da esami microchimici ed istologici, Emagel non viene accumulato negli organi parenchimali.
Alterazioni delle funzionalità organiche (epatica, renale, ecc.) non sono state evidenziate nemmeno con dosaggi alti.
Emagel, come la gelatina, può essere scisso da fermenti endogeni. Emagel, con l'impiego dei test sierologici, non ha dimostrato proprietà antigene; il prodotto è dotato di capacità di liberare istamina. Emagel è stato ampiamente sperimentato in clinica. L'emivita in circolo è di circa 4 ore e corrisponde alle esigenze terapeutiche.
Dopo 48 ore Emagel non risulta più presente nel sangue circolante. Gli esperimenti in vitro lasciano supporre che le catene polipeptidiche presenti nell'Emagel vengano scisse nell'organismo per proteolisi e che gli aminoacidi liberatisi vengano utilizzati per la sintesi delle proteine.

05.2 Proprietà farmacocinetiche - [Vedi Indice].

Circa l'85% dell'Emagel somministrato viene eliminato per via renale; il 10% viene eliminato con le feci; il 3% circa viene catabolizzato dagli enzimi proteolitici.

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice].

La tollerabilità generale e locale è stata buona in tutte le specie animali controllate: ratti, conigli, cavie e cani.
Sia nell'esperimento acuto, sia in quello cronico con somministrazione ripetuta per via sottocutanea, intraperitoneale ed endovenosa, gli animali non hanno evidenziato reazioni patologiche. La tollerabilità epatica e renale è buona. Non sono state osservate modificazioni della serie rossa o bianca del sangue.
Le reazioni specifiche dei gruppi sanguigni (sistema AB0 e Rh) non vengono influenzate dall'Emagel.

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - [Vedi Indice].

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice].

NaCl, KCl, CaCl2 ed acqua per preparazioni iniettabili.
La corrispondente concentrazione elettrolitica è (mmol/l): cationi: Na+145, K+5,1, Ca++6,25; anioni: Cl-145.

06.2 Incompatibilità - [Vedi Indice].

Per il suo contenuto in ioni calcio, Emagel non dovrebbe essere mescolato con sangue conservato citratato.
Non esistono invece riserve circa l'associazione con sangue sufficientemente eparinizzato.

06.3 Periodo di validità - [Vedi Indice].

3 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice].

Conservare a temperatura non superiore a 25°C.

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice].

Emagel è contenuto in flaconi di vetro sterile o in flaconi di polietilene puro da 500 ml. 1 flacone 500 ml

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice].

-----

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

Pierrel Medical Care S.p.A. Zona Industriale , I-85050 Tito Scalo (PZ)

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

1 flacone da 500 ml - n.
020310025

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice].

-----

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice].

29 Gennaio 1965 / 31 Maggio 2000

11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - [Vedi Indice].

-----

12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - [Vedi Indice].

0

 

home

 


Ultimo aggiornamento: 15/12/2012
carloanibaldi.com - Copyright © 2000-2012 - Anibaldi.it@Network - Tutti i diritti riservati.
[http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/summary.htm]