ELDISINE
torna all'INDICE farmaci


Google  CERCA FARMACI NEL SITO

  www.carloanibaldi.com

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE
05.1 Propriet� farmacodinamiche
05.2 Propriet� farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilit�
06.3 Periodo di validit�
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -[Vedi Indice].

ELDISINE

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice].

Ogni flacone di polvere contiene: Principio attivo Vindesina solfato 5 mg Per gli eccipienti, vedere sez.
6.1.

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice].

Polvere per soluzione iniettabile per uso endovenoso

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - [Vedi Indice].

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice].

Eldisine � un farmaco antineoplastico per esclusivo uso endovenoso, che pu� essere usato da solo o in associazione ad altri farmaci oncolitici.
Le informazioni fino ad ora disponibili suggeriscono che Eldisine come farmaco singolo pu� essere utile nel trattamento di: - Leucemia linfoblastica acuta dei bambini resistente ad altri farmaci. - Crisi blastiche di leucemia mieloide cronica. - Melanoma maligno non responsivo ad altre forme di terapia.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice].

Eldisine deve essere usato esclusivamente per via endovenosa e da personale esperto nella somministrazione di vindesina solfato. Deve essere usata una grandissima cura nel calcolare e somministrare la dose di Eldisine, dal momento che sovradosaggi possono avere esito grave o fatale. Si raccomanda che il farmaco venga somministrato per via endovenosa in una sola iniezione ad intervalli settimanali. La dose viene determinata per mezzo della superficie corporea. Negli adulti la dose di inizio raccomandata � 3 mg/m2, mentre nei bambini pu� essere 4 mg/m2.
In seguito la conta dei granulociti deve essere eseguita prima di ogni dose successiva per determinare la sensibilit� del paziente al farmaco. Se non si verificano granulocitopenia o altri eventi tossici (vedere sez.
4.8) il dosaggio pu� essere aumentato con incrementi di 0,5 mg/m2 alla volta ad intervalli settimanali. La dose non deve essere aumentata dopo quel dosaggio che: 1.
Riduce la conta dei granulociti al di sotto di 1500 cellule/mm3 o in rare occasioni. 2.
Riduce le piastrine al di sotto di 100.000/mm3.
3.
Causa dolore addominale acuto (vedere sez.
4.4). In ciascuno di questi casi si deve avere un pieno recupero prima di somministrare la dose successiva, che deve essere ridotta rispetto a quella che ha causato la reazione avversa. Per la maggioranza dei pazienti, tuttavia, il dosaggio settimanale sar� dell'ordine di 3,0-4,0 mg/m2 negli adulti e 4,0-5,0 mg/m2 nei bambini (� disponibile a richiesta un nomogramma per il calcolo della superficie corporea). L'uso di piccole quantit� giornaliere di Eldisine per lunghi periodi non � consigliato, anche se il dosaggio totale settimanale risultante pu� essere simile a quello raccomandato. Infatti, quando sono stati utilizzati tali schemi di dosaggio il vantaggio terapeutico ricavatone � stato scarso o nullo, mentre gli effetti collaterali sono aumentati.
Una stretta aderenza allo schema di dosaggio raccomandato� molto importante.

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice].

Eldisine � controindicato nei pazienti che presentano granulocitopenia o trombocitopenia indotte da farmaci od infezioni in atto. Tali infezioni devono essere poste sotto controllo con antisettici o antibiotici prima di usare Eldisine. Il prodotto non va somministrato per via intratecale, poich� la somministrazione di Eldisine per questa via abitualmente causa la morte del paziente. Non debbono ricevere Eldisine pazienti affetti da Sindrome di Charcot-Marie-Tooth.
Ipersensibilit� al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice].

I 5 mg di polvere di Elisine devono essere disciolti in un volume di 10 ml di soluzione fisiologica o acqua per preparazioni iniettabili. Le soluzioni preparate in questo modo devono essere conservate in frigorifero ed essere usate entro 24 ore dalla loro preparazione. Eldisine deve essere usato esclusivamente per via endovenosa.
Il farmaco deve essere somministrato da personale con esperienza nella somministrazione di vindesina solfato. La somministrazione intratecale di vindesina solfato abitualmente causa la morte del paziente. Le siringhe contenenti Eldisine e preparate estemporaneamente dal personale devono essere etichettate con la seguente scritta: �Non rimuovere la protezione fino al momento dell�iniezione.
La somministrazione intratecale � fatale.
Solo per uso endovenoso�. Dopo accidentale somministrazione intratecale di vinca alcaloidi, � richiesto un immediato intervento neurochirurgico allo scopo di impedire che la paralisi ascendente porti a morte.
In un ristretto numero di pazienti, la paralisi che metta in pericolo la vita e la successiva morte fu scongiurata ma ebbe come conseguenza gravissime sequele neurologiche, e in seguito, una guarigione limitata. Con riferimento a casi pubblicati sul trattamento di sopravvivenza effettuato nei confronti del vinca alcaloide vincristina solfato, se vindesina solfato viene erroneamente somministrato per via intratecale, il seguente trattamento deve essere iniziato immediatamente dopo l�iniezione: 1.
Rimozione della maggior quantit� possibile di liquido spinale attraverso l�accesso lombare. 2.
Posizionamento di un catetere epidurale nello spazio subaracnoideo attraverso lo spazio intervertebrale al di sopra dell�accesso lombare iniziale ed irrigazione del liquido spinale con soluzione Ringer Lattato.
E� richiesto del plasma fresco congelato e, quanto prima possibile, 25 ml devono essere aggiunti per ogni litro di soluzione Ringer-Lattato. 3.
Inserzione di un drenaggio intraventricolare o di un catetere da parte di un neurochirurgo e continuazione dell�irrigazione del liquido spinale con rimozione del liquido attraverso l�accesso lombare collegato ad un sistema di drenaggio chiuso.
La soluzione Ringer Lattato deve essere somministrata mediante infusione continua alla velocit� di 150 ml/h, oppure ad una velocit� di 75 ml/h quando � stato aggiunto, come gi� detto, del plasma fresco congelato. La velocit� di infusione deve essere aggiustata in modo tale da mantenere nel liquido spinale una concentrazione proteica pari a 150 mg/dl. Quantunque possano non essere essenziali, in aggiunta sono state attuate anche le seguenti misure: sono stati somministrati 10 g di acido glutammico per via endovenosa nell�arco delle 24 ore seguiti da 500 mg tre volte al giorno per via orale per 1 mese. Acido folinico per via endovenosa � stato somministrato inizialmente come bolo di 100 mg, poi infuso ad una velocit� di 25 mg/h per 24 ore, quindi somministrato in boli di 25 mg ogni 6 ore per la durata di una settimana. La piridossina � stata somministrata a dosi di 50 mg ogni 8 ore mediante infusione endovenosa della durata di oltre 30 minuti. Non sono chiari i loro ruoli nel determinare una riduzione della neurotossicit�. Il prodotto, come del resto la maggior parte dei farmaci antitumorali ed immunosoppressori, ha dimostrato propriet� cancerogena negli animali in particolari condizioni sperimentali. Una notevole irritazione pu� essere causata da una fuoriuscita di Eldisine nei tessuti circostanti durante la somministrazione endovenosa.
L'iniezione va interrotta immediatamente e ogni quantit� residua della dose deve essere iniettata in un'altra vena.
Una iniezione locale di ialuronidasi o idrocortisone e l'applicazione di moderato calore aiutano a disperdere il farmaco e potrebbero ridurre il dolore e la possibilit� di cellulite. Deve essere assolutamente evitato lo stravaso dalla vena durante la somministrazione di Eldisine. Lo stravaso durante l'iniezione endovenosa pu� causare cellulite e flebite.
Se la quantit� di farmaco fuoriuscita � grande, si potranno verificare fenomeni di necrosi.
La guarigione delle suddette lesioni potrebbe richiedere alcune settimane e risultare piuttosto dolorosa.
Il fastidio potrebbe persistere anche dopo la guarigione delle lesioni. Deve essere evitata la contaminazione degli occhi con la soluzione di Eldisine alle concentrazioni usate in clinica.
Se tale contatto dovesse verificarsi, si avrebbe una grave irritazione e potrebbe prodursi l'ulcerazione della cornea.
L'occhio deve essere immediatamente e perfettamente lavato con acqua o soluzione fisiologica.
E' necessario attenersi scrupolosamente ai dosaggi indicati. Clinicamente la tossicit� dose-limitante di Eldisine � la granulocitopenia, sebbene in generale l'attivit� antitumorale venga ottenuta a dosi che causano scarso o nessun effetto a carico dei polimorfonucleati. Il nadir della granulocitopenia si verifica dopo 3.5 giorni dall'ultimo giorno di somministrazione del farmaco. In seguito la normalizzazione della conta di polimorfonucleati � rapida e abitualmente completa entro 6.8 giorni dall'ultima dose. La conta delle piastrine � abitualmente o non modificata o aumentata dalla terapia settimanale con Eldisine. Tuttavia occasionalmente si � verificata una trombocitopenia significativa, soprattutto somministrando le dosi a una frequenza superiore di una volta alla settimana.
Ci� � pi� probabile che avvenga quando i pazienti sono trombocitopenici (meno di 100.000 cellule/mm3) prima della terapia con l'Eldisine. L'effetto dell'Eldisine sulla conta degli eritrociti e la concentrazione di emoglobina � abitualmente insignificante quando altri trattamenti non complicano il quadro generale. Quantunque la neurotossicit� non sia abitualmente dose-limitante, particolare cura va riservata al dosaggio ed agli effetti collaterali neurologici se l'Eldisine viene somministrato a pazienti con preesistenti malattie neuromuscolari, ed anche quando vengono usati altri farmaci potenzialmente neurotossici.
La neurotossicit� associata con l'Eldisine pu� essere additiva. Poich� l'Eldisine viene escreta principalmente dal fegato, pu� essere necessario ridurre le dosi iniziali in presenza di una significativa compromissione della funzionalit� epatica e biliare. Quando la chemioterapia � somministrata in concomitanza con la terapia radiante l'impiego dell'Eldisine deve essere ritardato fino a che la terapia radiante sia conclusa. Difficolt� respiratorie acute e grave broncospasmo sono stati riportati dopo somministrazione di Eldisine. Queste reazioni sono state pi� frequenti quando l'Eldisine � stata impiegata in combinazione con mitomicina C e ci� pu� richiedere trattamento aggressivo, particolarmente quando esiste una precedente disfunzione polmonare. L'evento si pu� verificare entro pochi minuti o dopo diverse ore dall'iniezione o anche fino a 2 settimane dopo la somministrazione di mitomicina C.
Potrebbe verificarsi dispnea progressiva richiedente terapia cronica; in questo caso Eldisine non dovrebbe essere risomministrato.

04.5 Interazioni - [Vedi Indice].

Eldisine non deve essere mescolata mai con altri farmaci. Sebbene non riportata con Eldisine, la somministrazione contemporanea orale ed endovenosa di fenitoina e combinazioni di chemioterapia antineoplastica (inclusi gli altri alcaloidi della vinca) � risultata aver ridotto i livelli plasmatici degli anticonvulsivanti e di aver aumentato la possibilit� di comparsa dell'attacco epilettico, probabilmente per un ridotto assorbimento ed una aumentata eliminazione della fenitoina. Pu� essere necessario un aggiustamento del dosaggio di fenitoina in caso di combinazione con Eldisine. Il contributo degli alcaloidi della vinca in questa interazione non � stato stabilito.

04.6 Gravidanza e allattamento - [Vedi Indice].

La sicurezza del prodotto in gravidanza o durante l'allattamento non � stata stabilita; pertanto prima dell'uso in queste pazienti deve essere attentamente valutato il rapporto rischio/beneficio. Studi in animali con Eldisine suggeriscono che possono verificarsi effetti teratogeni.
Questo prodotto non deve essere di norma somministrato a pazienti in gravidanza o a madri in allattamento.

04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice].

Non sono noti effetti sfavorevoli su tali capacit�.

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice].

Prima della somministrazione i pazienti e/o i loro genitori o tutori debbono essere avvertiti sulla possibilit� di effetti sfavorevoli.
L'incidenza degli effetti collaterali sembra correlata non solo alla dose impiegata ma anche alla dose cumulativa totale.
E' pi� probabile che la tossicit� acuta si manifesti impiegando dosi al di sopra di 4 mg/m2.
Abitualmente i sintomi persistono per non pi� di 24 ore.
La comparsa di neuropatia periferica sembra essere correlata alla dose totale cumulativa somministrata. Di seguito si riportano manifestazioni riferite come effetti collaterali: - Gastro-intestinali: comparsa di vescicole sulla mucosa orale.
Disfagia, anoressia, nausea, vomito, dispepsia, ulcera duodenale perforata, dolore addominale, ileo paralitico, diarrea, stipsi.
La nausea ed il vomito sono generalmente controllati con gli antiemetici. - Neurologici: torpore, parestesie delle dita, neuriti periferiche, perdita dei riflessi tendinei profondi, mialgia, piede cadente, convulsioni, dolori mascellari, sindromi depressive, cefalea. Cecit� corticale � stata riportata in pazienti trattati con polichemioterapici che includevano vindesina il cui contributo a questa reazione � incerto. - Cutanei: eruzioni maculopapulari, cellulite da stravaso, alopecia da modica a totale.
L'alopecia � l'effetto collaterale pi� comune.
La ricrescita dei capelli pu� avvenire anche durante la terapia. - Ematologici: granulocitopenia (fattore dose-limitante), trombocitosi, trombocitopenia, anemia leggera.
Il nadir della granulocitopenia si verifica dopo 3 giorni dall'ultimo giorno di somministrazione del farmaco.
In seguito, la normalizzazione della conta dei polimorfonucleati � rapida ed abitualmente completa entro 6.8 giorni dall'ultima dose. - Vari: malessere, puntate febbrili, brividi, mialgie diffuse, fenomeni reattivi e dolori nella sede dell'iniezione, astenia.

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice].

Gli effetti collaterali conseguenti a sovradosaggio sono correlati alla dose.
Pertanto, nell'eventualit� di un sovradosaggio, i pazienti potranno presentare gli effetti collaterali in maniera esagerata.
La terapia di supporto dovr� comprendere: 1.
Prevenzione degli effetti collaterali che possono risultare dalla sindrome da secrezione inappropriata di ormone antidiuretico, che prevede la restrizione di liquidi e, possibilmente, la somministrazione di un diuretico ad azione sull'ansa di Henle e sul tubulo distale. 2.
Somministrazione di dosi anticonvulsivanti di fenobarbital. 3.
Impiego di clisteri per prevenire l'ileo paralitico e, talora, il ricorso alla decompressione del tratto gastrointestinale. 4.
Monitoraggio del sistema cardiovascolare.

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE - [Vedi Indice].

05.1 Propriet� farmacodinamiche - [Vedi Indice].

Categoria farmacoterapeutica: farmaco antineoplastico Codice ATC: L01CA03 L'Eldisine � un nuovo alcaloide del Catharanthus roseus, analogo della vinblastina, da cui deriva semisinteticamente. E' un antimitotico il cui principale meccanismo d'azione consiste in una interazione con la tubulina, da cui consegue un blocco della divisione cellulare in metafase.
Studi in vitro hanno dimostrato che l'Eldisine previene l'invasione del tessuto sano da parte delle cellule maligne.

05.2 Propriet� farmacocinetiche - [Vedi Indice].

Dopo somministrazione per via intravenosa, la farmacocinetica corrisponde ad un modello a tre compartimenti con un grande volume di distribuzione nell'organismo (otto litri) ed un'emivita terminale sierica di 24 ore. Viene eliminata prevalentemente per via biliare ed una piccola frazione (6%) della dose somministrata si ritrova nelle urine.
La clearance corporea totale � di 0,252 L/kg/h.

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice].

Tossicit� acuta nel topo per e.v.
DL50: 6.3 + 0.6 mg/kg; nel ratto per e.v.
DL50: 2.0 + 0.2 mg/kg.

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - [Vedi Indice].

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice].

Il flacone di polvere contiene: mannitolo

06.2 Incompatibilit� - [Vedi Indice].

N.A.

06.3 Periodo di validit� - [Vedi Indice].

Il prodotto � stabile per 2 anni quando conservato in frigorifero (fra +2�C e +8�C) in confezionamento integro. Dopo diluizione il prodotto ricostituito, pu� essere conservato in frigorifero fra +2�C e +8�C per 24 ore

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice].

Il prodotto deve essere conservato in frigorifero (fra +2�C e +8�C).

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice].

Astuccio includente un flacone di vetro tipo I, contenente il prodotto liofilizzato, tappato con tappo di adatto materiale elastomero e sigillato con ghiera di alluminio.

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice].

Aggiungere i 10 ml di diluente (soluzione fisiologica o acqua per preparazioni iniettabile) ai 5 mg di Eldisine nel flacone sterile.
Il farmaco si scioglie rapidamente fornendo una soluzione limpida. La dose di soluzione di Eldisine (calcolata per fornire il numero desiderato di mg/m2 di superficie corporea del paziente) pu� essere iniettata o nel tubo di una infusione endovenosa in corso (infusioni compatibili sono: soluzione fisiologica glucosata al 5%, soluzione fisiologica di NaCl, soluzione glucosata per uso endovenoso) o direttamente in vena. L'ultima procedura � facilmente adattabile alla terapia domiciliare.
In ogni caso l'iniezione deve essere compiuta in 1.3 minuti, assicurando che l'ago sia sicuramente in vena e che la soluzione contenente Eldisine non venga iniettata al di fuori del vaso.
La cellulite e/o la flebite sono rari. Per evitare il rischio di trombosi, � sconsigliabile iniettare una soluzione di Eldisine in una estremit� in cui la circolazione � alterata o potrebbe divenirlo a causa di neoplasie comprimenti o invasive, flebiti o varicosit�.

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

CRINOS S.p.A.
Via Pavia, 6 � 20136 MILANO

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

Eldisine 5 mg polvere per soluzione iniettabile per uso endovenoso : N� AIC 025289024

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice].

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice].

08/03/04

11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - [Vedi Indice].

12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - [Vedi Indice].

08/03/2004

 

home

 


Ultimo aggiornamento: 15/12/2012
carloanibaldi.com - Copyright � 2000-2012 - Anibaldi.it@Network - Tutti i diritti riservati.
[http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/summary.htm]