Diltiazem Retard EG
torna all'INDICE farmaci


Google  CERCA FARMACI NEL SITO

  www.carloanibaldi.com

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE
05.1 Proprietà farmacodinamiche
05.2 Proprietà farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilità
06.3 Periodo di validità
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -[Vedi Indice].

DILTIAZEM EG 120 mg Capsule rigide a rilascio modificatoDILTIAZEM EG 180 mg Capsule rigide a rilascio modificatoDILTIAZEM EG 240 mg Capsule rigide a rilascio modificato

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice].

DILTIAZEM EG 120mg 180mg 240mgOgni capsula a rilascio modificato contiene:Principio attivoDiltiazem cloridrato 120 mg 180 mg 240 mg

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] Capsule contenenti microgranuli a rilascio modificato.Uso orale.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - [Vedi Indice].

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] Ipertensione da lieve a moderata.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] Ipertensione: 240 mg una volta al giorno.Per ottenere una risposta clinica soddisfacente ed individuare il dosaggio ottimale può essere necessario partire da 120 mg al giorno ed aumentare la dose di 60 mg o 120 mg ogni 2 settimane (solitamente il dosaggio ottimale varia da 240 a 360 mg al giorno).Per i pazienti anziani e per coloro che soffrono di insufficienza epatica o renale, è necessario usare una dose più bassa (una capsula di DILTIAZEM EG 120 mg) da prendersi una volta al giorno, almeno all'inizio della terapia.Ridurre il dosaggio se si notano reazioni avverse oppure se la frequenza del polso scende a meno di 50 battiti al minuto.

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] Non somministrare a pazienti in gravidanza o in età fertile.Il DILTIAZEM EG deprime la conduzione del nodo atrioventricolare, quindi è controindicato nei pazienti affetti da bradicardia marcata, sindrome di patologia sinusale, insufficienza cardiaca non controllata o blocco AV di secondo o terzo grado.Ipersensibilità al Diltiazem o ad uno dei suoi principi inattivi.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] Il DILTIAZEM EG va usato con cautela nei pazienti con funzione ventricolare sinistra ridotta.
Seguire attentamente i pazienti affetti da bradicardia lieve e/o con intervallo PR modificato.

04.5 Interazioni - [Vedi Indice].

Analogamente ad altri antagonisti del calcio, se usato unitamente a farmaci in grado di indurre bradicardia (per es.
amiodarone e i beta-bloccanti) oppure con altri farmaci antiipertensivi, il DILTIAZEM EG può avere un effetto additivo.Il Diltiazem è stato usato con sicurezza in combinazioni con beta-bloccanti, diuretici, ACE-inibitori ed altri farmaci antiipertensivi.Si consiglia di controllare costantemente i pazienti ai quali vengono somministrate queste associazioni.Controllare rigorosamente la somministrazione di Diltiazem insieme agli alfa-bloccanti, come la prazosina, a causa del possibile effetto ipotensivo sinergico di questa particolare associazione.L'esperienza clinica suggerisce la possibilità dell'innalzamento dei livelli ematici di carbamazepina, ciclosporina e teofillina, in caso di somministrazione associata a Diltiazem.
Prestare particolare attenzione ai pazienti che ricevono questi farmaci.Come nel caso di altri antagonisti del calcio, anche il Diltiazem può portare a lievi aumenti dei livelli di digossina nel plasma.La somministrazione di Diltiazem con gli antagonisti dei recettori H2 può provocare innalzamento dei livelli ematici di Diltiazem.Il trattamento con Diltiazem non ha determinato problemi durante l'anestesia, ma occorre informare l'anestesista del fatto che al paziente viene somministrato un antagonista del calcio.

04.6 Gravidanza e allattamento - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] Il Diltiazem si è rivelato teratogenico in alcune specie animali.In assenza di prove adeguate sulla sicurezza in gravidanza, evitare di somministrare il DILTIAZEM EG durante tale periodo o a donne in età fertile.Il Diltiazem viene escreto nel latte materno.
Secondo uno studio, le concentrazioni del farmaco nel latte materno raggiungono livelli simili a quelle presenti nel siero.Se ne sconsiglia perciò l'uso durante il periodo di allattamento.Se è assolutamente necessario usare il DILTIAZEM EG procedere ad un metodo alternativo di allattamento del neonato.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice].

Non sono noti effetti negativi del farmaco sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari.

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] Si sono riferiti i seguenti effetti: edema alle caviglie, malessere, cefalea, vampate di calore, disturbi gastrointestinali e, in casi molto rari, bradicardia sintomatica, blocco seno-atriale e blocco atrio-ventricolare.
Si sono riferite reazioni cutanee in associazione al Diltiazem ma generalmente si è trattato di reazioni leggere, che si risolvono a conclusione della terapia.
Tuttavia, si sono osservati casi occasionali di reazioni cutanee gravi.All'inizio del trattamento si sono poi osservati casi isolati di innalzamento moderato e transitorio della transaminasi epatica.Infine, si sono avuti casi isolati di epatite clinica, risoltisi a conclusione della terapia.Gli studi correnti suggeriscono che gli effetti di vasodilatazione, in particolare l'edema alle caviglie, sono proporzionali alle dosi e si presentano con maggiore frequenza negli anziani.

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] Segni e Sintomi: l'intossicazione acuta può portare ad iperglicemia, ipotensione grave, bradicardia, blocco atrioventricolare da primo a terzo grado e occasionalmente ad arresto cardiaco.
Per l'iperglicemia può rivelarsi necessario un appropriato trattamento.
I sintomi possono comparire anche dopo alcune ore dalla somministrazione.

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE - [Vedi Indice].

05.1 Proprietà farmacodinamiche - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] Il Diltiazem è un antagonista del calcio e, in quanto tale, riduce in modo selettivo l'ingresso del calcio, attraverso i canali dipendenti dal voltaggio, nelle cellule del muscolo liscio vascolare e nelle cellule del miocardio, riducendo così la concentrazione di calcio intracellulare disponibile per l'attivazione delle proteine contrattili.Nel tessuto vascolare il Diltiazem rilassa la muscolatura liscia delle arterie, riducendo così la resistenza periferica sistemica e dilatando le arterie coronariche.Nel muscolo cardiaco, invece, il Diltiazem riduce la contrattilità e rallenta la frequenza del battito cardiaco grazie all'azione cronotropa ed inotropa.E' pertanto possibile ridurre l'attività cardiaca e la domanda di ossigeno ed abbassare la pressione arteriosa elevata senza causare tachicardia riflessa.

05.2 Proprietà farmacocinetiche - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] Il Diltiazem viene assorbito bene nel tratto gastrointestinale e, poiché possiede effetto immediato, offre una biodisponibilità assoluta di circa il 40% (rispetto alla somministrazione per via endovenosa).Nel plasma il Diltiazem si lega alle proteine nella misura dell'80-85%.
Livelli plasmatici superiori a 40-50 ng/ml sono associati all'attività farmacologica.Il Diltiazem viene esaurientemente metabolizzato dal fegato e l'emivita nel plasma è in media di 3 - 4,5 ore.I due metaboliti circolanti principali, il desacetil-Diltiazem e l'N-monodemetil-Diltiazem, mostrano un'attività vasodilatatoria sulle arterie coronariche pari a circa il 50% di quella del Diltiazem.
Nelle urine si riscontra solo dallo 0,2 al 4% di Diltiazem allo stato non metabolizzato.Nel caso di somministrazione giornaliera singola, i microgranuli ad azione prolungata contenute nella specialità portano ai massimi livelli plasmatici di Diltiazem solitamente tra 6 e 8 ore dalla somministrazione, mentre l'emivita di eliminazione dal plasma del prodotto è di 7 ore circa.La biodisponibilità del DILTIAZEM EG 120 mg, 180 mg, 240 mg, somministrato una volta al giorno, equivale a quella che si ottiene da una compressa ad effetto tradizionale (60 mg) somministrata 2, 3 o 4 volte al giorno.I dati degli studi condotti su pazienti e volontari sani hanno anche dimostrato che con un dosaggio appropriato è possibile contenere i livelli plasmatici a 24 ore dalla somministrazione nell'ambito dell'intervallo terapeutico minimo.Le concentrazioni plasmatiche dei pazienti anziani e affetti da insufficienza epatica sono generalmente maggiori rispetto ai soggetti di giovane età, a causa di un aumento della biodisponibilità apparente.Nei pazienti affetti da insufficienza renale, si richiede una diminuzione del dosaggio solo in rapporto alla risposta clinica.

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] Gli studi di tossicità in diverse specie animali hanno indicato la buona tollerabilità del farmaco in rapporto ai dosaggi preconizzati nell'uomo.

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - [Vedi Indice].

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] DILTIAZEM EG 120 mg 180 mg 240 mgOgni capsula a rilascio modificato contiene:Eccipienti:microgranuli(amido di mais, saccarosio)63,60 mg 95,39 mg 127,19 mgpovidone (K30) 5,03 mg 7,54 mg 10,06 mggomma lacca 11,71 mg 17,57 mg 23,42 mgetilcellulosa 3,96 mg 5,94 mg 7,92 mgtalco 38,29 mg 57,44 mg 76,59 mgCostituenti dell'involucro:gelatina 8,9041 mg 76,3232 mg 95,4236 mgeritrosina (E127) 0,0938 mg 0,0594 mg 1,1058 mgindigotina (E132) 0,0021 mg 0,0014 mg 0,0050 mgtitanio biossido - - 0,6160 mg 0,4656 mg

06.2 Incompatibilità - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] Non note.

06.3 Periodo di validità - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] 36 mesi.La data di scadenza riportata sull'astuccio si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] Conservare il prodotto in luogo asciutto ad una temperatura inferiore a 30°C.

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice].

Le capsule sono confezionate in blister (PVC/PVdc/Alluminio).DILTIAZEM EG 120 mg Capsule rigide a rilascio modificato Astucciocontenente 28 capsule rigide a rilascio modificatoDILTIAZEM EG 180 mg Capsule rigide a rilascio modificato Astucciocontenente 28 capsule rigide a rilascio modificatoDILTIAZEM EG 240 mg Capsule rigide a rilascio modificato Astucciocontenente 28 capsule rigide a rilascio modificato

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice].

Non vi sono particolari istruzioni per l'uso del prodotto.
Per le modalità di somministrazione vedi "Posologia e modo di somministrazione".

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] EG S.p.A.
- Via D.
Scarlatti, 31 - 20124 Milano

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] DILTIAZEM EG 120 mg Capsule rigide a rilascio modificatoAstuccio da 28 capsule a rilascio modificato da 120 mg A.I.C.
n.
032808014/GDILTIAZEM EG 180 mg Capsule rigide a rilascio modificatoAstuccio da 28 capsule a rilascio modificato da 180 mg A.I.C.
n.
032808026/GDILTIAZEM EG 240 mg Capsule rigide a rilascio modificatoAstuccio da 28 capsule a rilascio modificato da 240 mg A.I.C.
n.
032808038/G

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice].

-----

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice].

- [Vedi Indice] Prima autorizzazione: 30 luglio 1997Rinnovo autorizzazione:

11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - [Vedi Indice].

-----

12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - [Vedi Indice].

Maggio 1998

 

home

 


Ultimo aggiornamento: 15/12/2012
carloanibaldi.com - Copyright © 2000-2012 - Anibaldi.it@Network - Tutti i diritti riservati.
[http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/summary.htm]